Mostra di ARRIGO BARBAGLIO: Tuminetto Tromboletti

Locandina evento
MOSTRA FOTO – PERFORMANCE
"TUMINETTO TROMBOLETTI" - SKEGGIA FUTURISTA
di Arrigo Barbaglio

Performance l'8 giugno alle 18.00.
La mostra si terrà dal 10 al 23 giugno.


“ UCCIDIAMO IL CHIARO DI LUNA ” sosteneva Filippo Tommaso Martinetti in una sorta di essenza del manifesto futurista 100 anni fa. Arrigo Barbaglio in collaborazione con il teatro S.Domenico di Crema, inerpicandosi su sentieri inediti e in qualche modo alternativi, ricostruisce coi suoi testi e le sue foto l’atmosfera dei roboanti tempi-futuristi, pur distaccandosi dall’uso di materiali d’epoca. Si tratta di una performance inedita caratterizzata dal particolare connubio tra parola, immagine e musica. Una piece dal marcato spirito dei giorni nostri, ambientata ai giorni nostri pur nel roteare giocoso e provocatorio tanto caro al movimento.

Sulla performance e il titolo della mostra “ TUMINETTO TROMBOLETTI ” preferiamo non anticiparne la logica e i contenuti per non togliere nulla al gusto dello spettatore che potrà assistere alla rappresentazione mercoledì 10 giugno 2009 alle ore 21 nei chiostri del teatro.

Suggestivi e sovente irriverenti gli scatti dai titoli sempre accattivanti: da “niente assenzio?strisce bianche nel cervello!” a “cantiche” ( pesci boccheggianti sul tavolo della mattanza al mercato di Istanbul che sciolgono una cantica tutta loro); da “colazione con l’io” a “uccellando” ( con un Paolo Conte protagonista involontario di una gag alle Halles di Parigi); da “frullatore per nuvole” a “il posto della rosa” per chiudere o iniziare con “rosso di sera” ( il logo della maglietta stampata per l’occasione) dove atmosfere post-magrittiane segnano il passo di sconfinamento tra i futuristi e l’influenza del loro movimento sul surrealismo.

La mostra presenta nel suo insieme un percorso del tutto inusuale per lo stile del fotografo e del suo gioco d’impostazione col corpo umano. Nessuna traccia, infatti dell’uomo, se non attraverso i manufatti del suo esistere. Tutt’al più sagome di volti incappucciati o quasi irriconoscibili dietro veli e lastre di vetro ( ad eccezione di un bimbo in “mediorientadosi” e di una donna anziana in “nonna-volante”). Riflessi, dunque. Fantasmi. Quelli dell’uomo nel suo passaggio terreno… e non solo. Ma anche corpi inermi di animali, diavolerie meccaniche e naturalmente i “cacciatori d’arcobaleno”.

Oltre al lavoro degli attori, MonicaAgosti-LorenzoSamanni-CorradoVignelli, in opera all’inaugurazione ( cui seguirà degustazione di cocktail all’….. “assenzio” come d’obbligo nelle brasserie parigine d’inizio secolo scorso), la mostra si avvarrà di un’installazione video-sonora che l’autore sta girando in questi giorni dentro il teatro stesso.

Materiale tutto inedito dunque da gustarsi col pizzicorino complice della multimedialità incentrata a raggiera sulle “intuizioni” di Barbaglio (scrittore, fotografo, viaggiatore), proprio come declamava il movimento futurista nella prima-esplosiva-baldanzosa fase della sua storia.

ORARI:
Da martedì a venerdì: 16.00- 19.00;
Sabato e domenica: 10.00 - 12.00; 16.00- 19.00.

CONDIVIDI SU: