RONIN e Sakee Sed live

Locandina evento
Progetto Cervo Booking Agency e Paniere, il Circolo presentano
************************************************************************
RONIN + SAKEE SED
Venerdì 11 Novembre 2016
************************************************************************
Line up:

▶▶▶ RONIN
https://www.facebook.com/ronintheband

La data di nascita dei Ronin si può far risalire al luglio del 1999, quando Bruno Dorella, allora batterista dei Wolfango, sognava di formare un gruppo che unisse il western morriconiano, l'isolazionismo chitarristico e certo folk mediterraneo e balcanico. Una sera di quel luglio stava per suonare in un festival a Pesaro, quando una tempesta arrivò ad impedirne lo svolgimento. Gli unici a suonare furono dei musicisti ungheresi che si trasferirono sotto il tendone delle birre ed intrattennero tutti suonando musica balcanica in acustico per un paio d'ore. Folgorato dall'esperienza, Dorella decide di far partire il progetto. Ci mette un po' a trovare i musicisti giusti visto il suo retaggio punkettone, ma nel 2003 vede finalmente la luce il primo EP, semplicemente intitolato Ronin. Questo EP diventa anche la colonna sonora del mediometraggio "Rocca Petrosa" di Cosimo Terlizzi. Da subito il gruppo inizia un'intensa attività concertistica in Italia e in Europa. Nel 2004 arriva il contratto con Ghost Records, che pubblica il primo album (ancora omonimo). Una canzone dell'album, "I Am Just Like You", entra nella colonna sonora del film "Tu Devi Essere Il Lupo" di Vittorio Moroni. Il secondo album "Lemming" esce nel 2007 sempre per Ghost ed è disco del mese sulle riviste specializzate Rumore e Blow Up. Alcuni brani di questo album entrano nella colonna sonora del film "Vogliamo Anche le Rose" di Alina Marazzi, di cui i Ronin firmano anche la colonna sonora originale, uscita per Rhino/Warner Music Italia. Altri brani di “Lemming” diventano la colonna sonora del documentario “Via Selmi 72” di Mauro Diciocia e finiscono tra le musiche di fiction e programmi televisivi. Nel 2009 esce il terzo album “L’Ultimo Re”, che ha riscontro a livello europeo e permette al gruppo di affrontare nuovamente i palchi italiani ed esteri.
L'album "Fenice" esce a gennaio 2012 per Santeria in CD e Tannen Records in vinile e anch'esso viene scelto come disco del mese da Blow Up.
La formazione, che ha subito vari cambiamenti, oltre a Bruno Dorella alla chitarra (conosciuto anche come batterista di OvO Bachi Da Pietra), comprende Chet Martino al basso (anche nei Quasiviri), Nicola Ratti alla chitarra, attivo come sound artist in solo, oltre che in duo con Faravelliratti e Bellows, e infine il nuovo ingresso Paolo Mongardi (ZEUS!, Jennifer Gentle, Il Genio).

▶▶▶ SAKEE SED
https://www.facebook.com/Sakee-Sed-244569195564167/?fref=ts



Hardcore da saloon. Sembrerebbe una dichiarazione d'intenti un po' sfacciata questa dei Sakee Sed, un po' come quella dei Bachi da Pietra ("Black metal il mio folk"): del resto, dicono, "è tutt'ora oggetto di discussione, anche per la band, se sia solo il titolo del loro terzo disco o se un vero e proprio genere musicale".

Certo, sentendo pezzi come "Hcds" e "Hard tornado", con la batteria in doppia cassa sparata e il piano a incalzare sulla parte sinistra della tastiera, la definizione non appare tanto un azzardo. Né l'intento incendiario, che ritorna - anche letteralmente - in pezzi come "Fuoco alle fiamme" e "Siluro".

Ovvio, non è l'unica dimensione di "Hardcore da saloon": c'è quella cantautorale, le cui sfumature emergono in brani come "Primula"; c'è quella progressive anni Settanta, che specialmente in alcuni passaggi strumentali dà mostra di sé, e contamina "Markala" e "La fuga di Barnaba"; e quella più vaudeville e satirica, che riconduce maggiormente alle atmosfere da saloon citate nel titolo ("Beck and musical"), ma che nasconde un lato agrodolce, a sua volta ("Quella dei merli").

Senza contare i brani più brevi, apparentemente bozzetti ma in realtà vere e proprie chicche sonore, "Panama" e "Pollo e mandorle", a cui si aggiunge la già citata "Hcds", che forse meglio di tutte riescono a riassumere la stralunata inventiva di un disco che per scelta suona diretto ed essenziale, rimanendo fedele alla formazione piano-batteria che è la stessa con cui viene proposto dal vivo.

E che sicuramente lo caratterizza in maniera forte, anche rispetto alle prove precedenti del duo bergamasco, più orecchiabili forse ma meno coraggiose. D'altronde nei western non si vede mai nessuno entrare in un saloon in punta di piedi: le due ante devono essere spalancate per bene, e l'entrata in scena si presuppone il più spettacolare possibile. Ma su questo i Sakee Sed sono un bel pezzo avanti.

********************************************************
VENERDì 11 NOVEMBRE 2016

Paniere, il Circolo.
Via 4 novembre 58
26013 Crema

Ingresso 5€

Contatti:
Progetto Cervo Booking Agency
progettocervo@gmail.com

Paniere, il Circolo
paniereilcircolo@gmail.com

CONDIVIDI SU: